× Funzionalità principali Produttività e benessere lavorativo Soluzioni Servizi Clienti Manifesto Blog Contatti Prenota demo

Come abbiamo realizzato il motore di ricerca per l'intranet

20/08/2017 Chiara Egidi
Come abbiamo realizzato il motore di ricerca per l'intranet

Una delle funzioni fondamentali di un’intranet è la ricerca: è essenziale poter trovare velocemente ciò di cui si ha bisogno.

La nostra esperienza

Quando l’anno scorso abbiamo deciso di rinnovare il motore di ricerca di WorkTogether, noi UX designer con gli sviluppatori ci siamo confrontati per definire le funzionalità essenziali del motore di ricerca e creare un’interfaccia che potesse esporre al meglio i risultati della stessa partendo da un presupposto fondamentale: la ricerca deve aiutare a mettere in contatto le persone, oltre che trovare documenti o notizie.

Il nuovo motore di ricerca di WorkTogether analizza tutti i diversi tipi di contenuti: pagine, notizie, documenti e allegati, commenti, persone, contatti. 
Il nostro scopo era esporre i risultati nel modo più veloce ed efficiente per l’utente, rendendo subito chiara la tipologia del contenuto. 

In questo articolo non entriamo in merito delle tecnologie sottostanti il motore di ricerca, ma vi raccontiamo come abbiamo realizzato l'interfaccia utente.

Quali sono le funzionalità di interfaccia più moderne per un motore di ricerca intranet?

Dopo una prima fase di analisi basata sulle statistiche d'uso dei nostri clienti, abbiamo definito le caratteristiche essenziali dell’interfaccia, in linea con le tendenze delle intranet più moderne.

Autocompletamento

Molto spesso cerchi il numero di telefono di un collega, oppure vuoi trovare una determinata pagina senza navigare il menu del sito. 

Abbiamo quindi deciso di anticipare alcuni risultati (persone e pagine) mentre stai ancora digitando il termine nel campo di ricerca.

Se questi primi risultati non sono sufficienti, puoi proseguire eseguendo la ricerca completa.

autocompletamento

Filtri a “faccette”

Mostrati i risultati, li puoi filtrare in tempo reale in base a vari criteri di categorizzazione:

  • per tipo di contenuto
  • per data di aggiornamento
  • per “tag”
  • per rilevanza.

ricerca avanzata

Miglior risultato

Il motore di ricerca evidenzia il “best bet”, cioè il migliore risultato per rilevanza, ponendolo sopra la lista dei risultati.

miglio risultato

Dai primi utilizzi, è emersa la necessità di definire un criterio di rilevanza personalizzabile da cliente a cliente. Ad esempio, alcuni clienti vogliono dare maggior rilevanza ai risultati in cui il titolo contiene i termini ricercati, altri clienti preferiscono dare rilevanza ai tag. Il prossimo aggiornamento avrà questa possibilità!

Le persone al primo posto

Lo strumento di ricerca di WorkTogether è uno solo: sia che tu voglia trovare persone (non occorre che vai nella rubrica), sia che tu stia cercando documenti o informazioni.

persone e altri risultati

Per aiutarti a identificare ciò che ti interessa, presentiamo l’elenco delle persone che corrispondono alla ricerca in un blocco separato dall’elenco degli altri risultati.

Come abbiamo risolto i dubbi sull’interfaccia? 

Durante lo sviluppo è sorto un dubbio: meglio mostrare i risultati raggruppati per tipologia, oppure con un unico elenco?

i dubbi sulla ricerca

Dopo aver stilato una lista degli aspetti positivi negativi dell’una e dell’altra ipotesi, abbiamo deciso di coinvolgere gli utenti. Abbiamo pensato: saranno loro che utilizzeranno la ricerca, la loro opinione è fondamentale, questo sarà il loro strumento di ricerca.

Abbiamo preparato due prototipi e li abbiamo sottoposti ad alcuni nostri clienti, in pratica abbiamo fatto ciò che è definito “test di usabilità”.

Il test di usabilità è una tecnica per valutare un prodotto, facendolo provare direttamente agli utenti. È una pratica indispensabile, perché fornisce informazioni su come un prodotto o un servizio sarà usato effettivamente”

Fonte Wikipedia

La maggior parte degli interpellati (il 70%) ha scelto l’ipotesi “lista unica”. 

A posteriori, possiamo affermare che i motivi sono sostanzialmente i seguenti:

  • l’elenco unico è più familiare perché è il modo con cui i motori di ricerca internet (ad esempio Google e Bing) presentano i risultati
  • blocchi di risultati diversi costringono l’utente a un maggior sforzo per analizzare ogni singolo blocco separatamente.

Dal punto di vista dell’interfaccia un elenco unico è anche stato il più facile da adattare ai dispositivi mobili

Il risultato finale lo puoi vedere nelle immagini seguenti.

Ecco come appare l'autocompletamento:

autocompletamento nella ricerca dell'intranet

 

Ed ecco come appare la ricerca completa:

risultati delle ricerca nell'intranet


Ricevi contenuti esclusivi per costruire e innovare la tua intranet. GRATIS.

OK, VOGLIO RICEVERE LA NEWSLETTER!


I tuoi commenti